domenica 1 settembre 2013

Florencia Bertotti: "Federico è stato il primo che mi ha incoraggiata nella mia nuova sfida" (Parte 1 dell'intervista)

A 30 anni, ha aperto un negozio di abbigliamento per bambini, con l'aiuto di sua suocera Mercedes: "Ho più libertà, meno esposizione e gestisco il mio tempo", dice.

Quando cammina per strada e la riconoscono, alza le spalle e sorride. Ma ammette che prova vergogna, che preferisce non attirare l'attenzione. "Mi sento a disagio quando la gente sente che faccio un'intervista e si chiede: Chi si crede di essere?E non mi sento benissimo", dice. Sono finiti i giorni del successo di Floricienta, l'idolo di molti adolescenti, il vortice di ore di registrazione e di pratica.A 30 anni, ho messo in pausa la recitazione e mi sono trasferita al centro di San Isidro. Accompagnata da l'amore della sua vita, Federico Amador (37), che vive con lei da tre anni e mezzo,con Romeo (5), il figlio che ha avuto con Guido Kaczka (35), e affronta Pancha Buenos Aires, negozio di vestiti per bambini.
- Come è stato il cambiamento in imprenditore creativo?
-Tutte decisioni. Il primo anno di Romeo ho lavorato troppo. Protagonista di Nini, prodottrice, ho scritto i testi, sono stata coinvolta nei costumi ... Era troppo lavoro. Non ho trovato un modo per godere contemporaneamente di mio figlio e il lavoro. Avevoa paura di lasciare lo show, per la paura di non trovare nulla che mi piaceva. Ma bisogna affrontare dei rischi, soprattutto quando si hanno 30 anni.
-Poi venne Pancha ...
-Ho sempre amato i vestiti, mi piace vestire i bambini. Quando sono diventata mamma ho scoperto questa passione. La mia prima linea era di pigiami, ho imparato molto.
- Ora ti aiuta qualcuno?
-Mia suocera, Mercedes, che ha una fabbrica di scarpe da più di quindici anni, chiamata Meche. Lei mi guida. Sono molto rapida e mi spingo fino alla fine. Ho iniziato da zero, ho costruito il logo, ho cercato un posto vicino a casa ed è aperto tre mesi fa.
- Ti manca la TV?
'A volte le scene sono bellissime e mi dà nostalgia. Sono in una pausa dalla recitazione, ma non in pensione. Ho messo la testa da un'altra parte, passo più tempo a casa con mio figlio e dedico più alla famiglia. Penso che dovremmo essere fedeli a ciò che si vuole.
- Ha a che fare con l'arrivo dei 30?
-Quando mancava poco per compiere gli anni mi bloccai, non posso negarlo. Mi impressionava la cifra. Ma so anche che simboleggia un sacco di esperienze e non ho avuto nessuna crisi. Romeo mi aiuta, mi dà energia.

DOMANI PUBBLICHERO' LA SECONDA PARTE! 




per blog