giovedì 12 settembre 2013

Eugenia Suárez: "Rufina è la figlia che ho sempre sognato" (Parte 2 dell'intervista)

- La tua alimentazione durante la gravidanza?
'Mangiavo quello che volevo, ma in piccole quantità. Quello che ho cercato di fare è stato bere molta acqua, ma nient' altro.
-Quando hai smesso di lavorare, ti sei dedicata completamente ai preparativi?
'In realtà, Nico ed io abbiamo fatto tutto insieme ed è stato fantastico.
- E il parto?
-Spettacolare. Io non so che cosa sia il dolore delle contrazioni. Non sto mentendo, eh! Ho parlato con l'ostetrica e mi ha detto che mi aspettava dalle 5 del mattino. Ho fatto il bagno, ho messo il mascara waterproof se avessi pianto, ho messo un rossetto che dura quattro ore, ho riempito la borsa ... volevo continuare a guardare Nico anche al momento del parto. Abbiamo messo la musica, Rihanna, che adoro, ma ho fatto il cesareo perché Rufi aveva il cordone intorno.
- E allora?
'E' stato strano perché con l'anestesia non si sentiva niente, ero molto stanca.Proprio quando si è attaccata al seno, ho detto, "E 'mia figlia." Allora ho fissato Rufi e mi sono innamorata. E' impressionante! Il giorno dopo ho detto a Nico: "Voglio averne un altro". Mi sentivo sopraffatta dall'amore.
- Quanti figli ti piacerebbe avere?
- Se si trattasse solo di me, ne vorrei otto! Ma mi piace il mio lavoro, quindi tre o quattro figli sembra un buon numero.
- Nico è d'accordo?
-Gli ho detto, "Il mio progetto è di quattro figli, se ti piace bene e se no, anche." [Ride]. E 'affascinato, così sicuro sarà d'accordo.
- Chi ha scelto il nome?
Prima ci hanno detto che era un maschio, ma il giorno dopo ho fatto un'altra ecografia e hanno confermato che era una femmina. Da quel momento abbiamo cominciato a pensarci. Eppure, nessuno lo sapeva prima del giorno della nascita. Rufina sembra un nome dolce.
- Sai che cosa significa?
- "Ragazza dai riccioli d'oro", ma non so il perché.
- Come ti definiresti come madre?
-Sono molto rilassata, siamo due genitori molto rilassati ... non pensiamo mai che possa accadere qualcosa di male, non perché non può accadere, ma perché preferisco pensare che tutto andrà bene. Sono sempre la stessa, la portiamo ovunque, perché è una santa ... Continuiamo con la stessa vecchia vita.
-In questo mese e mezzo, cosa ti ha insegnato Rufina?
-Mi ha insegnato cos'è l'amore incondizionato. Mi alzo dal letto di buon umore quando si sveglia per mangiare ... ho una soglia molto alta di pazienza. Io sono una lumaca, rimango ore a guardarla dormire.
-Durante questo grande momento di felicità, è anche dovuto passare attraverso la morte di tuo padre.
'Sono molto cattolica e mi ha sempre insegnato che la morte non è una brutta cosa. Anche se dolorosa, mi sono connesso con mio padre da un'altra parte, sento che è presente.
- E com' è come papà Nicolas?
-E 'un genio, davvero.  Non mi lascia mai sola ... Le fa compagnia, cambia i pannolini, le fa il bagno e quindi è molto più facile per me.




per blog